Patologie

Emorroidi


Emorroidi
Le emorroidi sono dei cuscinetti vascolari formati da vene, presenti nel canale anale. La loro funzione è quella di contribuire alla continenza dei liquidi e dei gas, gonfiandosi e sgonfiandosi attraverso l'afflusso e il deflusso del sangue. Le emorroidi si dividono in interne (dentro al canale anale) ed esterne (nella parte finale del canale anale). 
 
Back  continua per un approfondimento

Fimosi


FimosiLa fimosi è una condizione patologica che si viene a determinare quando la porzione di pelle che ricopre il glande (prepuzio) si presenta troppo ristretta, o in seguito alla perdita di elasticità o in conseguenza di una sclerosi post infiammatoria.

Back  continua per un approfondimento

Fistola


FistolaLa fistola è un canale di comunicazione che si crea fra due organi normalmente non collegati o fra un organo e l’esterno. Ha un orifizio di ingresso, nel punto da cui origina, un tramite canalare o a forma di tubicino ed un orifizio di sbocco, nel punto in cui arriva.

Back  continua per un approfondimento

Glaucoma


Glaucoma
Il glaucoma è una malattia dell'occhio caratterizzata dall'aumento della pressione all'interno dell'occhio stesso (pressione endoculare).

Back  continua per un approfondimento

Ipospadia


Ipospadia
L'ipospadia è un'anomalia congenita del pene dovuta all'insufficiente sviluppo dell'uretra il cui sbocco, il meato, non si trova all'apice del glande ma in un altro punto della faccia ventrale del pene, o in casi più gravi nello scroto o perineo.

Back  continua per un approfondimento

Labiopalatoschisi


LabiopalatoschisiLa labiopalatoschisi, detta anche cheilognatopalatoschisi o “labbro leporino”, è una malformazione congenita caratterizzata dalla permanenza, per incompleta saldatura, di una fessura, la schisi, che divide le strutture simmetriche del viso (le labbra, la mascella e il palato) durante la vita intrauterina.

Back  continua per un approfondimento

Laparocele


LaparoceleCon il termine laparocele, o ernia post-laparotomica, si indica la fuoriuscita dei visceri (ernia) dalla loro sede naturale, attraverso una interruzione della muscolatura della parete addominale, generalmente dovuta ad un intervento chirurgico.

Back  continua per un approfondimento

Mammella


Mammella
La mammella è una ghiandola esocrina (a secrezione esterna), presente sia nell'uomo che nella donna. 

Back  continua per un approfondimento

Occlusione intestinale


Occlusione intestinale
Per occlusione intestinale, meglio definita con il termine ileo, si intende un impedimento al normale transito degli alimenti lungo il percorso del canale alimentare dal duodeno sino al retto.

Back  continua per un approfondimento

Stenosi ipertrofica del piloro


Stenosi ipertrofica del piloro
La stenosi ipertrofica del piloro è una patologia presente dalla nascita, dovuta ad un ispessimento concentrico del piloro, la valvola che regola il flusso di cibo dallo stomaco all'intestino, che ha come conseguenza la progressiva e rapida chiusura di questo passaggio.

Back  continua per un approfondimento

Stipsi


Stipsi
La stipsi è un malfunzionamento dell'intestino che comporta una diminuzione delle evacuazioni o un'alterazione della consistenza delle feci, che si presentano più dure del solito (feci caprine).

Back  continua per un approfondimento

Tonsille


Tonsille
Le tonsille sono due piccoli organi linfatici. Situate nella gola svolgono, insieme alle adenoidi (che si trovano nel rinofaringe), il compito di catturare virus e batteri e formare anticorpi per combatterli.

Back  continua per un approfondimento

Tumore


Tumore
Tumore o neoplasia o neoformazione è una massa anomala di tessuto che si forma in seguito alla proliferazione patologica delle cellule di una zona del corpo.

Back  continua per un approfondimento

Varicocele


Varicocele
È una patologia a carico delle vene del plesso pampiniforme, il sistema venoso presente nello scroto. Asintomatico e privo di complicanze quando è di piccole dimensioni, se aumenta di volume può manifestarsi con un senso di peso ed un aumento di volume dello scroto stesso.

Back  continua per un approfondimento

Chirurgia

Tumore

Che cosa è il tumore
Tumore o neoplasia o neoformazione è una massa anomala di tessuto che si forma in seguito alla proliferazione patologica delle cellule di una zona del corpo. Un tumore è benigno quando non invade i tessuti contigui, è ben separabile da essi, non dà metastasi a distanza e non recidiva dopo la completa asportazione chirurgica, farmacologica o radioterapeutica; è maligno quando anche una sola delle caratteristiche citate è presente (infiltrazione, metastasi, recidiva).
Il tumore è una massa di tessuto che cresce in eccesso e in disaccordo rispetto i tessuti normali, senza che le sue cellule rispettino i segnali inibitori presenti normalmente in tutte le cellule normali del nostro corpo. È causato da un'alterazione genetica di alcune cellule che iniziano a riprodursi a dismisura abbandonando, del tutto o in parte, le loro funzioni originarie.
Il tumore può presentarsi in molte forme e colpire praticamente tutti gli organi e tessuti del corpo umano. Si differenzia sia in base alle sue caratteristiche istologiche (il tessuto cioè da cui origina), sia a seconda dello stadio di avanzamento (dal primo al terzo grado) e della zona colpita.

Tumore

Tumore
Fattori di rischio
  • Stili di vita (fumo, alcool, poca attività fisica, alimentazione scorretta)
  • Rischio ambientale (inquinamento, contatto con sostanze cancerogene)
  • Infezioni (papilloma virus, epatite B e C, Virus Epstein-Barr, ecc..)
Sintomi
  • I sintomi del tumore dipendono dalla zona colpita. Non esistono pertanto sintomi generali che indicano la presenza di una neoplasia. Inoltre, molti sintomi sono comuni anche a formazioni benigne.
Terapie
Farmaci. I farmaci antitumorali mirano a bloccare l'avanzata del tumore. Sono di due tipologie, ormonale e citossica. La prima è valida solo per alcuni tipi di tumori; la seconda è la chemioterapia, in cui si attaccano le cellule malate bloccandone la duplicazione.
Radioterapia. La terapia consiste nell'irradiamento con raggi X del DNA delle cellule malate, bloccandone, anche in questo caso, la duplicazione. Vengono colpite anche le cellule sane, che tuttavia hanno una risposta migliore ai raggi.
Chirurgia. La tecnica chirurgica varia a seconda del tipo di tumore e della zona colpita. Il chirurgo può scegliere, a seconda dei casi, di asportare solo il tumore.
Numeri
L'epidemiologia del tumore differisce a seconda del tipo di tumore. L'unico dato in comune è l'aumento dell'incidenza globale, anche in seguito all'allungamento della vita media globale.
Prevenzione
  • Stile di vita (alimentazione salutare, attività fisica, attenzione ai fattori ambientali)
  • Screening (controlli specifici a intervalli regolari, come mammografie o pap test)
Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di terze parti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Altrimenti clicca continua e accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner.
Continua
X

Right Click

No right click