Patologie

Ascesso cerebrale


Ascesso cerebrale
Una raccolta di materiale purulento (costituito da leucociti, batteri ed altro materiale nel cervello) circoscritto da una parte propria, che si forma in seguito ad un’infezione batterica o fungina.
 
Back  continua per un approfondimento

Cisti aracnoidee


Cisti aracnoideeLe cisti aracnoidee sono anomalie congenite che originano durante lo sviluppo per un’alterata separazione della membrana aracnoidea.
 
Back  continua per un approfondimento

Craniostenosi


Cisti aracnoideeCon il termine di craniostenosi s’intende una condizione patologica determinata da una fusione precoce di una o più suture craniche durante la vita intrauterina. Il risultato di questa fusione consiste in un’anomala forma della testa del neonato.
 
Back  continua per un approfondimento

Ematoma extradurale o epidurale


Ematoma extradurale o epidurale
Si tratta di una raccolta di sangue tra la dura madre e la teca cranica, più frequentemente in sede temporo-parietale, generalmente causata da traumi tali da ledere l'arteria meningea media o uno dei suoi rami.
 
Back  continua per un approfondimento

Ematoma intracerebrale


Ematoma intracerebrale
L'ematoma intracerebrale consiste in una raccolta di sangue, conseguente alla rottura di un vaso sanguigno, all'interno del tessuto cerebrale, senza interessamento delle meningi.
 
Back  continua per un approfondimento

Encefalocele


EncefaloceleL’encefalocele è una condizione patologica che si determina a seguito di un difetto localizzato della volta cranica, che comporta una lacuna nella parete ossea del cranio attraverso cui fuoriesce un meningocele (sacco di meningi, contenente solo liquor), oppure un mielomeningocele (quando all'interno è presente anche tessuto cerebrale).
 
Back  continua per un approfondimento

Idrocefalo


IdrocefaloL’idrocefalo è uno dei più frequenti problemi che si riscontrano nella pratica della neurochirurgia.
 
Back  continua per un approfondimento

Meningocele


MeningoceleMalformazione congenita in cui, attraverso una fissurazione del cranio o della colonna vertebrale, si produce una protrusione verso l'esterno di un tratto di una delle membrane che avvolgono il cervello (dura madre, pia madre o aracnoide), ricoperte o meno dalla cute.
 
Back  continua per un approfondimento

Neurinoma


NeurinomaIl neurinoma è un tumore benigno che origina dalle cellule di Schwann dei nervi cranici e spinali.
 
Back  continua per un approfondimento

Nevralgia del trigemino


Nevralgia del trigeminoLa nevralgia del trigemino è una sindrome dolorosa cronica che colpisce il nervo trigemino, o quinto nervo cranico, uno dei nervi più grandi della testa.
 
Back  continua per un approfondimento

Sindrome di Arnold-Chiari


Sindrome di Arnold-ChiariPer Sindrome di Arnold-Chiari s'intende un complesso di sintomi originati da una rara malformazione della fossa cranica posteriore...
 
Back  continua per un approfondimento

Siringomielia


SiringomieliaLa siringomielia (malattia di Morvan) è un’affezione del midollo spinale, caratterizzata dall’infiltrazione del fluido cerebro-spinale all'interno del midollo stesso...
 
Back  continua per un approfondimento

Neurochirurgia

Idrocefalo

Che cosa è l'idrocefalo

L’idrocefalo è uno dei più frequenti problemi che si riscontrano nella pratica della neurochirurgia. Tale patologia è determinata da un accumulo patologico di liquido cefalorachidiano o liquor(LCR) nelle cavità cerebrali denominate ventricoli.



Idrocefalo



Fattori di rischio
  • Malformazioni congenite
  • Emorragie della matrice germinale nel prematuro (endoventricolari)
  • Infezioni contratte in utero o in epoca perinatale
  • Neoplasie cerebrali collocate in modo da ostruire la circolazione liquorale
  •  
Sintomi
  • Anomalo incremento della circonferenza cranica (macrocrania)
  • Letargia o irritabilità
  • Vomito ripetuto
  • Cefalea
  • Tendenza al sopore
  • Disturbi visivi
  • Crisi epilettiche
Terapie
Chirurgia. Il trattamento chirurgico della lesione (neoplasia, cisti aracnoidea, ecc.) consente di risolvere la problematica idrocefalica nella quasi totalità dei casi. Il trattamento chirurgico attuale prevede due opzioni:
  • impianto di derivazioni liquorali ventricolo-peritoneali;
  • utilizzo di tecniche endoscopiche (ventricolo-cisternostomia).
Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di terze parti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Altrimenti clicca continua e accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner.
Continua
X

Right Click

No right click